carole feuerman swimmers biennale venezia 2017
Mostre, Slider home

Carole Feuerman: le nuotatrici alla Biennale di Venezia

Nei Giardini di Marinaressa, la Biennale di Venezia 2017 accoglie una personale di Carole Feuerman dedicata alle sue Nuotatrici.

Le opere della scultrice americana, una delle grandi personalità dell’iperealismo, si trovano completamente a loro Carole Feuerman Swimmers biennale venezia 2017agio ad un passo dai canali della laguna. Così donando al visitatore un momento di assoluta serenità contemplativa.

L’iperealismo di Carole Feuerman visto a Venezia, così lontano dalla sua nativa America, acquisisce quasi una connotazione di vicinanza a icone del nostro passato. In una scala del tutto diversa – quella della grandezza naturale o oltre – i personaggi della Feuerman sembrano ricordare le figure di Lenci e le porcellane dell’Art Decò.

Carole Feuerman tra apparenza ed emozione

Tutto è perfetto nel mondo della Feuerman, ma nulla è scontato. I suoi personaggi non sono pura decorazione ma esprimono un’interiorità che va oltre la iniziale maschera di perfetta serenità.

biennale venezia 2017 Carole Feuerman SwimmersHa scritto infatti di loro Carole Feuerman: “My swimmers have their own personalities and tell their stories, and some times they are my own. I have concentrated on swimmers with water elements since 1958. While their outward appearance is often one of beauty and tranquility, their faces mask a deeper meaning of heroism, endurance, balance and triumph. Through my heart I interact with the viewer on a very personal level and inspire the viewer to look closely at what stands before them. It is not the fleeting moment that I want to capture, it is the universal feeling caught in that fleeting moment. The hyper realistic style of my art crates the physicality for which my sculptures are known”.

Per ulteriori informazioni guarda il sito www.carolefeuerman.com

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

Leave a Comment