santa maria maggiore mosaici
Città d'Arte, Slider home, Storia dell'arte

Santa Maria Maggiore: i mosaici

Costruita durante il pontificato di Sisto III (432-440 d.C.), la Basilica di Santa Maria Maggiore custodisce una serie di mosaici coevi alla sua edificazione. Essi corrono in alto lungo la navata principale, sia a destra che a sinistra. In realtà, proprio la loro altezza e la luce che entra dalle finestre li rende difficili da apprezzare se non con un binocolo.

Santa Maria Maggiore: i mosaici della navata

roma basilica santa maria maggiore mosaici
Isacco benedice Giacobbe

Si tratta di 27 riquadri (12 a sinistra e 15 a destra) superstiti degli originali 42, andati distrutti nel ‘700 ed in alcuni casi sostituiti da affreschi. In altri casi, alcuni dei pannelli superstiti sono stati completati con ridipinture laddove il mosaico era andato perso. Nei riquadri, alcuni dei quali contengono due scene, sono rappresentate storie dell’Antico Testamento. Sul lato sinistro, scene tratte dalla Genesi e riferite ad Abramo, Isacco e Giacobbe. Sul lato destro, scene dai libri dell’Esodo, dei Numeri e di Giosuè. E’ quest’ultimo lato a raccogliere i mosaici più scenografici quali il passaggio del Mar Rosso o scene di battaglia quali la vittoria contro Amalek.

Il mosaico dell’arco trionfale

roma basilica santa maria maggiore mosaici arco trionfale
Santa Maria Maggiore – Mosaico Arco Trionfale

Sempre coevi all’edificazione di Santa Maria Maggiore sono anche i mosaici dell’arco trionfale che delimita l’abside. Rappresentano scene della vita di Gesù. sulla sommità dell’ arco è rappresentato il cd. Trono dell’Etimasia, ovvero un trono vuoto in attesa di accogliere Cristo al momento del suo ritorno sulla terra nel giorno del Giudizio Universale. Sotto il trono la dicitura “Xystus episcopus plebi Dei” (Sisto vescovo del popolo di Dio). Ai lati del trono i Santi Pietro e Paolo. Dietro al trono i simboli dei quattro Evangelisti.

Il mosaico dell’abside: Jacopo Torriti

Il mosaico dell’abside – l’Incoronazione della Vergine – è invece di epoca molto più tarda. E’ infatti dovuto a Jacopo Torriti vissuto tra la seconda metà

basilica santa maria maggiore mosaici
Giacobbe chiede a Labano gli agnelli chiazzati

del XIII sec. e l’inizio del XIV. Egli fu uno dei principali protagonisti della scuola pre-giottesca romana. Operò nel cantiere della Basilica Superiore di San Francesco dove conobbe Cimabue.

La Basilica di Santa Maria Maggiore dista pochissime centinaia di metri da Santa Prassede e da Santa Pudenziana. Due chiese fondamentali nel panorama dei mosaici cristiani di epoca antica a Roma. Dunque, i tre luoghi di culto, per la loro prossimità, ben si prestano ad essere visitata nella medesima mattinata per godere di un trionfo di mosaici assolutamente unici.

 

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

Leave a Comment