caravaggio madonna dei palafrenieri galleria borghese roma
Caravaggio, Città d'Arte, I Musei, Slider home, Storia dell'arte

Caravaggio e la Madonna dei Palafrenieri tra sacro e profano

La Madonna dei Palafrenieri di Caravaggio (o Madonna della Serpe) fu, ai suoi tempi, un’opera contrastata. Lo fu sia dal punto di vista estetico che teologico. E’, però, una Madonna particolare e un quadro eccelso: questo il cardinal nepote Scipione Borghese lo capì benissimo da subito.

Caravaggio Madonna dei Palafrenieri: la storia

caravaggio madonna dei palafrenieri galleria borghese romaLa Madonna dei Palafrenieri ha una storia che merita di essere raccontata. Innanzitutto, chi erano i palafrenieri pontifici? Nel complesso cerimoniale della corte pontificia, i palafrenieri erano i responsabili delle scuderie del papa. In particolare del suo cavallo e del suo asino bianco e della loro conduzione nelle cerimonie.

Dunque non erano un pur scelto personale di scuderia: erano rappresentanti delle grandi famiglie della nobiltà pontificia. A loro spettava il diritto di condurre per le redini il cavallo e l’asino bianco del papa. Un compito (anzi un privilegio) prestigioso: non a caso tale privilegio (come anche quello di porgere la staffa al papa) veniva anche concesso a re e imperatori.

Dunque, un gruppo di personaggi di spicco nella vita di corte e di potere nella società romana. Ovviamente, si riunivano in una loro confraternita, per la precisione l’Arciconfraternita Vaticana di Sant’Anna de’ Parafrenieri fondata nel 1378. La loro protettrice era Sant’Anna ed avevano a disposizione una cappella in San Pietro nonché una loro chiesa in Vaticano.

Fu questo influente consesso a commissionare a Caravaggio la Madonna della Serpe o, dal nome della confraternita, la Madonna dei Palafrenieri.

Caravaggio e il gran rifiuto

Per una volta le date non ci mancano. La data della commissione fu quella del 31 ottobre 1605 e, probabilmente, ebbero un ruolo nella scelta dell’artista due influenti cardinali: Ascanio Colonna e Scipione Borghese.

Conosciamo anche il compenso: 70 scudi. Un prezzo che sembrerebbe inferiore agli usuali compensi del Merisi. Forse l’importanza dei committenti e la collocazione in San Pietro avevano convinto il maestro a caravaggio madonna della serpe galleria borghese roma sant'annaprendere il lavoro comunque ipotizzando futuri sviluppi. La tela è, fra l’altro, maestosa: alta ben 292 cm e larga 211.

Caravaggio consegna la Madonna dei Palafrenieri l’8 aprile 1606. E qui viene il bello.

Infatti, l’arciconfraternita posiziona la tela nella sua cappella in San Pietro ma ve la lascia pochi giorni. Meno di una decina di giorni dopo, la tela è già stata trasferita nella chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri.

Ma non finisce qui. Il 16 giugno la confraternita delibera la vendita della tela. A richiederla è il cardinal nepote Scipione Borghese, nipote (appunto) di Camillo che un anno prima era asceso al soglio pontificio con il nome di Paolo V. Scipione paga la tela 100 scudi: l’Arciconfraternita dei Palafrenieri ci guadagna ma – stando agli esperti – anche lui ci fa un bell’affare.

Teologia, estetica o astuzia?

caravaggio madonna dei palafrenieri galleria borghese romaNon mi addentro in una sottile disquisizione teologica sul perché i confratelli abbiano rifiutato l’opera. Partiamo dall’estetica. La Vergine non solo è in una posizione che mette un po’ troppo in evidenza il seno ma ha anche sembianze note. Infatti, si tratta di Lena, al secolo Maddalena Antognetti amica del Caravaggio e sua modella anche per la Madonna dei Pellegrini. Sulle vicende personali di Lena e Caravaggio vi rimando all’articolo dedicato a tale opera (usa link precedente).

Gesù venne forse considerato troppo grande (come età) per essere ritratto nudo. Forse indispettì i confratelli l’atteggiamento così in disparte della loro santa protettrice. Forse anche il fatto che venisse ritratta come una vecchia dal viso rugoso.

Poi c’è la vicenda teologica nella quale mi consentirete di non addentrarmi. Il punto, comunque, è legato a chi debba schiacciare il serpente: la Madonna o Gesù? La dottrina cattolica propendeva per la prima, quella protestante per il secondo. Se il ruolo preponderante nello schiacciare il male fosse stato quello di Gesù, ciò avrebbe significato che per ottenere la salvezza gli uomini si sarebbero potuti rivolgere direttamente al Divino senza necessità dell’intermediazione della chiesa

E l’astuzia? Ci potremmo fermare alla teologia ed all’estetica se non fosse stato della partita il cardinal Borghese. Noto collezionista d’arte, il cardinale doveva anche essere piuttosto spregiudicato. Basti pensare cosa (probabilmente) aveva ordito proprio in quei mesi ai danni del Cavalier d’Arpino per sottrargli il Bacchino Malato e il Fanciullo con Canestro di Frutta (vedi articolo sul Bacchino).

Magari, Scipione Borghese si era semplicemente trovato al posto giusto nel momento giusto oppure il posto e il momento li aveva determinati lui…

La Madonna dei Palafrenieri del Caravaggio: l’opera

E’ giunto il momento di goderci la tela. E’ uno di quei Caravaggio che non si dimenticano e che, in qualche modo, rappresentano un’unità di misura per valutare l’opera del maestro.

Lo sguardo va subito al Bambino. Nudo, con i riccioli biondi, ha messo tutto il suo peso sul piede della madre alzandosi in punta sul piede destro. La Madonna è avvolta in un ampia tunica rosso mattone che caravaggio madonna dei palafrenieri galleria borghese romariempie la scena. Un delicato velo le cinge vezzosamente il seno. Il viso è quello bello di Lena.

La Sant’Anna così poco gradita ai Palafrenieri Pontifici è, invece, un significativo pezzo di pittura. Un po’ in disparte, osserva la Madonna e il Bambino. Indossa un’ampia veste violacea dalle morbide pieghe e, nella penombra, la sua figura trova luce nel turbante bianco e nella fascia, anche’essa bianca, che le cinge le spalle. Belle le mani e, da non perdere, il velo che arricchisce il vestito lungo la spalla destra. Lo stesso velo indossato da Lena nella Madonna dei Pellegrini.

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

3 Comments

Leave a Comment