caravaggio sacrificio isacco uffizi firenze
Slider home, Storia dell'arte

Caravaggio: il Sacrificio di Isacco e le sue citazioni

Il Sacrificio di Isacco di Caravaggio degli Uffizi di Firenze è un’opera che merita di essere guardata con grande attenzione. Ciò non solo per i suoi evidenti meriti artistici, ma anche per i chiari rimandi alle opere di Caravaggio che la precedettero e la seguirono.

caravaggio sacrificio isacco uffizi firenzeIl tema è noto. Dio ordina ad Abramo, come estrema prova di obbedienza, di sacrificargli l’unico figlio, Isacco. E Abramo obbedisce e accetta. Un attimo prima, però, un angelo ferma la sua mano.

Caravaggio interpreta il tema fedelmente, senza l’originalità di pensiero e di rappresentazione che ritroviamo nella Conversione di San Paolo di San Luigi dei Francesi a Roma o la complessità delle Sette Opere di Misericordia di Napoli, ma creando anche nell’ortodossia un capolavoro.

Nel contempo, insieme, c’è tutta la sua straordinaria capacità di rendere iconica la rappresentazione del reale e la ricorrenza di modelli passati e futuri.

Andiamo per ordine. Sulla composizione in generale, v’è da dire che il Sacrifico di Isacco è, insieme al Riposo durante la Fuga in Egitto, l’unica opera del Merisi dotata di un paesaggio di sfondo.

Sacrificio di Isacco di Caravaggio: quando fu dipinta?

E’ necessario partire datando l’opera. Per una volta, sembra trattarsi di un’perazione semplice: speriamo che prossime ricerche non contradicano quanto oggi pensiamo.

Il Sacrificio di Isacco sarebbe stato commissionato a Caravaggio dal cardinale Maffeo Barberini (1568-1644) asceso poi al soglio pontificio nel 1623 con il nome di Urbano VIII. In pratica, il pontefice al quale si deve la successiva prosperosa crescita del casato.

E’ proprio l’archivio Barberini a venirci in aiuto per la datazione dell’opera. Infatti, esso conserva i pagamenti effettuati al Caravaggio avvenuti in tranche tra il 20 maggio 1603 e l’8 gennaio 1604.caravaggio sacrificio isacco uffizi firenze

Ormai Michelangelo Merisi era a Roma un pittore di successo. Aveva già realizzato le tele di San Luigi dei Francesi e quelle di Santa Maria del Popolo. Purtroppo, si avvicinavano all’orizzonte queli eventi che due anni dopo lo avrebbero costretto a lasciare in fuga la città Eterna.

Il Sacrificio di Isacco va proprio analizzato in funzione delle opere precedenti e successive. Forse perché Caravaggio era caratterizzato da una certa pigrizia nella scelta dei suoi modelli….

Guardate Abramo e, chiudendo gli occhi, pensate al San Girolamo della Galleria Borghese (1605). Isacco, invece, potrebbe essere Francesco Boneri (1580-1630), ovvero Cecco del Caravaggio, allievo del Caravaggio e suo uomo di fiducia, già impiegato come modello per l’angelo del San Matteo di San Luigi dei Francesi. Peraltro, Francesco Boneri fu anch’egli un ottimo pennello del quale, però, la storia dell’arte fatica a ricostruire complessivamente l’opera.

Poi c’è la testa dell’ariete (quello che finirà sacrificato al posto di Isacco). Guardatela e pensate a quella dei due San Giovanni del Merisi (Musei Capitolini e Galleria Doria Pamphilj) è proprio… l’ariete del Caravaggio. Poi nelle due opere in questione, assolutamente simili, il modello è lo stesso. Potrebbe anche in questi casi essere Cecco.

I particolari

Caravaggio si vede dai particolari. Guardate le mani di Abramo. Quella stretta per serrare disperatamente il coltello con le pieghe della pelle in evidenza e quella che blocca il collo del figlio, con le solite unghie sporche.

sacrificio di isacco caravaggio uffizi firenzePoi ci sono i capelli dell’angelo. Ricci e biondi. Simili a quelli di Gesù della Madonna dei Palafrenieri e, in qualche misura, dell’angelo del Riposo durante la fuga in Egitto. Viceversa, quando Caravaggio dipinge il Bambino Gesù preferisce, sempre nei toni chiari, i capelli lisci. Per chiudere la storia dell’angelo. Secondo alcuni Caravaggio lo modificò perché anche per l’angelo aveva impiegato il viso di Cecco ma due visi uguali proprio non si potevano vedere…

Abramo è cinto intorno alla vita da un indumento di difficile identificazione ed anche equilibrio poiché non è chiaro come si tenga. Troppo pesante per reggersi con un semplice nodo. Ma è un nodo di Caravaggio e poi il panno è rosso: il colore che il Merisi usa per attirare l’attenzione e dare forza ai personaggi.

La luce arriva da sinistra, dall’alto. si concentra sul viso di Abramo e su quello del figlio Isacco. Sulle mani dell’angelo salvatore. Isacco ha la bocca aperta, ma il suo urlo non riesce ad uscire. Si intravedono i denti, la lingua e poi il fondo nero della gola. E’ la stessa bocca di Medusa, a pochi metri, nella sala accanto degli Uffizi. Con gli occhi, segnati da un rosso colore del sangue, Isacco cerca qualcuno, in un ultima, disperata, richiesta di aiuto.

Il Sacrificio di Isacco di Caravaggio agli Uffizi

Il Sacrificio di Isacco passa dalla collezione Barberini a quella Colonna di Sciarra probabilmente per lasciti ereditari.caravaggio uffizi sacrificio isacco

Da questi (o da una società che lo aveva acquistato in precedenza) lo acquistò Charles Fairfax Murray (1849-1919), pittore inglese a lungo vissuto a Firenze, ritenendolo opera di Gherardo delle Notti. Suo figlio John lo donò poi agli Uffizi nel luglio del 1917.

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

Leave a Comment