san lorenzo fuori le mura mosaico
Città d'Arte, Mosaici, Slider home

San Lorenzo fuori le mura: il mosaico di papa Pelagio

San Lorenzo fuori le mura o San Lorenzo al Verano, che dir si voglia, è un antico baluardo della cristianità a Roma e, come spesso accade in questi casi, custodisce il suo antichissimo mosaico.

San Lorenzo fuori le mura: storia breve

Il 10 agosto del 258 d.C. veniva martirizzato il diacono Lorenzo successivamente sepolto nell’ager veranus (dal nome del proprietario del fondo Lucio Vero) proprio nell’area dove oggi sorge la basilica ed il cimiterosan lorenzo fuori le mura mosaico del Verano. In realtà, a titolo di curiosità, va osservato come l’area dell’ager veranus sia così da quasi duemila anni una zona di sepolture sia per la Roma antica che per quella dei giorni nostri.

Infatti, nel 330 d.C. l’imperatore Costantino fece costruire nei pressi della tomba di San Lorenzo una grande chiesa cimiteriale proprio per accogliere le spoglie di tutti coloro che volevano essere seppelliti accanto alla tomba di San Lorenzo. Questa chiesa non ebbe però fortuna in quanto venne danneggiata da una frana nel VI secolo ed anche i suoi resti sparirono completamente dalla vista nel IX secolo.

Fu così che papa Pelagio II, nel 580, procedette alla costruzione di un nuovo edificio sacro il cui abside era ricoperto di mosaici (perduti) come anche l’arco absidale nel cui caso i mosaici sono invece ancora in sito.

All’inizio del XIII secolo papa Onorio III (al secolo Cencio Savelli) intervenne sulla basilica pelagiana stravolgendola completamente. Così la navata centrale della precedente costruzione divenne quello che oggi è il presbiterio il quale venne inoltre alzato con la costruzione di nove gradini.

In conclusione, non possiamo, secondo me, essere certissimi che il mosaico dell’arco absidale non sia stato a quel punto rimaneggiato.

san lorenzo fuori le mura mosaico

Il mosaico di San Lorenzo fuori le mura

In ogni caso, quello che ci appare oggi è un mosaico piuttosto conforme ai canoni di quei secoli. Al centro il Cristo assiso su un globo ad indicare il suo dominio sul mondo, benedice con la mano destra mentre con al sinistra tiene la croce.

san lorenzo fuori le mura mosaicoAlla sua sinistra (destra per chi guarda) San Paolo, Santo Stefano che tiene tra le mani un libro aperto su cui si legge Adhaesit anima mea, papa dal papa dal 254 al 257 e morto anch’esso come Lorenzo durante le persecuzioni dell’imperatore Valeriano. Accanto a Stefano vi è poi Sant’Ippolito che ha tra le mani una corona. Quest’ultima allude all’antico rito dell’offerta del pane e del vino all’inizio della messa da parte dei fedeli al celebrante: il pane veniva infatti ornato con fiori. Ippolito, anche lui martire (235 d.C.), era stato sepolto nella catacomba sulla via Tiburtina che ha oggi il suo nome.

Alla destra di Cristo, troviamo San Pietro, San Lorenzo e papa Pelagio II. Sia San Pietro che san Lorenzo reggono con la mano sinistra una croce. In più, San Lorenzo tiene aperto un libro dove si legge Dispersit dedit pauperibus (egli ha dato ai poveri). Papa Pelagio è raffigurato nel classico gesto di offrire la chiesa che ha costruito (cioè San Lorenzo fuori le mura) a Cristo.

Ai due estremi del mosaico sono rappresentate Gerusalemme (il Vecchio Testamento) e Betlemme (il Nuovo Testamento). Le due finestre sono posteriori rispetto al mosaico: la loro costruzione potrebbe aver eliminato le palme che da ciascun lato solitamente chiudono i mosaici aventi un’iconografia simile a questo.

Nella cronologia dei mosaici cristiani a Roma, quello immediatamente precedente, realizzato circa mezzo secolo prima, si trova nella Basilica dei Santi Cosma e Damiano. A tal proposito, puoi leggere Basilica di Cosma e Damiano: affreschi cristiani nel foro romano.

Con il passare dei decenni e dei secoli, i modelli bizantini prenderanno a Roma sempre più piede sostituendo quanto ancora rimaneva dell’eredità artistica della Roma antica: il Mosaico di Santa Cecilia in Trastevere può essere un buon esempio di questa tendenza.

Basilica di San Lorenzo fuori le Murasan lorenzo fuori le mura mosaico

Piazzale del Verano 3, Roma
Telefono: 06/491511
basilicasanlorenzofuorilemura@gmail.com
Orari: tutti i giorni dalle ore 7.00 alle 12.00 e dalle ore 16.00 alle 19.00
Durante la celebrazione dei riti religiosi non è permessa la visita

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

Leave a Comment